L'oroscopo del mese


L'entrata del Sole nel concreto e primaverile segno del Toro nella mappa astrologica redatta per la nostra latitudine, vede l'Ascendente nel segno del Sagittario e il suo governatore, Giove, nel X Campo. Giove che si presenta con moto retrogrado, subisce una quadratura da Plutone posizionato nel II Campo (economia e mondo finanziario). Il segno all'Ascendente fa subito pensare al lontano, all'estero e alle condizioni sociali che questo "lontano" può eventualmente incidere nelle decisioni che riguardano anche il nostro Paese. La quadratura tra Giove e Plutone presuppone una tensione mondiale riguardante questi settori quasi che non ci siano più sicurezze politiche ed economiche su cui basare i propri processi economici-sociali.

 La congiunzione tra il luminare e Mercurio, pianeta del dialogo, potrebbe - al di là dell'esibizione dei muscoli che Marte ostenta - aiutare a trovare un approccio costruttivo, anche se il perdurare di Urano nell'impetuoso segno dell'Ariete, non aiuta a seminare con la giusta disposizione d'animo.

Lo sguardo astrologico ci consente a questo riguardo di vedere nei recenti attriti mondiali una certa ribellione del più piccolo contro il più forte (aspetto Giove Plutone) dove solo il dialogo e la saggezza (rappresentata nel tema dal trigono di Saturno a Giove e Sole), possono scongiurare esiti più traumatici che il prossimo aspetto di opposizione tra il bellicoso Marte e Saturno (alla fine di maggio) potrebbe ancora riservarci.

I due "benefici" Venere e Giove non presentano, questo mese, aspetti armonici, e Nettuno dal segno dei Pesci presenta ancora solo una quadratura al segno all'Ascendente, suggerendoci che i cuori sono sempre più pronti alle paure e meno capaci di accendere la luce di cui avrebbe bisogno il mondo, e che Nettuno sarebbe idoneo a proiettare. 

(Giancarla)